A Palazzo Ricordi la palma del più antico green

L’edificio milanese di via Berchet, costruito nel 1880 dall’Opera Pia Borella e dal 1930 sede dalla Società Ricordi, rinasce oggi grazie alla nuova proprietà (Antonello Manuli Holdings) come spazio per uffici e commerciale con un “cuore verde”.

Un gioiello di sostenibilità, certificato LEED Core&Shell livello Gold per la sostenibilità e un esempio di come si possono riqualificare i palazzi storici tenendo al centro l’attenzione al risparmio energetico e idrico, con l’uso di materiali eco-compatibili.

Un successo ottenuto con l’apporto di partner come lo studio d’architettura Parisotto & Formenton, F&M Ingegneria, ESA engineering e la società Evotre per la certificazione. In Italia si è raggiunto un record simile solo con la riqualificazione di Ca’ Foscari a Venezia. Palazzo Ricordi registra un intervento ancora più complesso sulla struttura (oltre 16mila metri cubi, con l’84 per cento del materiale originale recuperato), sull’involucro murario (con uno speciale termo-cappotto isolante), sulla distribuzione interna, sull’impiego di vetri selettivi e serramenti termici e sull’intero sistema impiantistico di riscaldamento, raffrescamento e ventilazione (sistema geotermico con pompa di calore ad acqua di falda). «Palazzo Ricordi è la prova autentica che si può lavorare secondo pratiche green preservando la massima integrità delle strutture antiche con ingegno e innovazione – dichiara il Presidente di Green Building Council Italia Gianni Silvestrini – Il patrimonio costruito italiano è significativo, e molti edifici storici hanno un disperato bisogno di adeguamenti. Questo rappresenta un’opportunità per ridurre i consumi e diminuire ogni anno grandi quantità di emissioni di anidride carbonica come richiede la direttiva europea per il 2030». L’involucro esterno di Palazzo Ricordi è stato conservato, data la tutela storico-architettonica, mentre l’interno è stato trasformato secondo le nuove esigenze commerciali e perseguendo la massima efficienza energetica. L’edificio di sei piani è stato ripensato per diventare uno spazio funzionale e un modello di sostenibilità e innovazione, fattori che costituiscono un valore aggiunto anche per i brand ospitati. Il Palazzo è classificato in “classe A”, un livello che anche molti nuovi edifici faticano a raggiungere.

Palazzo RIcordi

Una vita biodinamica
a cura di Giuliana Zoppis

Giuliana Zoppis

Novità, eventi, prodotti e servizi per uno stile di vita innovativo e consapevole:
tutto ciò che può dare una svolta “ECO” alle azioni di ogni giorno con responsabilità, curiosità, fantasia, volontà di cambiare in meglio noi e il mondo in cui viviamo.

È lo spazio dedicato al biodinamico, condotto su La Raia.it da Giuliana Zoppis, architetto e giornalista specializzata nei temi ecodesign, bioedilizia e sostenibilità socio-ambientale.
Dopo numerose esperienze editoriali (Rizzoli / Corriere della Sera, Giorgio Mondadori / AD-Architectural Digest Italia e Mondadori) e televisive (Rai 2, Il Piacere di Abitare), collabora con i settimanali D-Dcasa e Il Venerdì de La Repubblica e il magazine Mark Up. È nella Commissione Sostenibilità di ADI (Associazione Disegno Industriale). Nell’autunno 2006 ha fondato con Clara Mantica il primo circuito per la promozione dell’abitare sostenibile Best Up.