<TENUTA CUCCO

Dove la tradizione è più antica

Tenuta Cucco si trova in Serralunga d’Alba, in Piemonte ai piedi del famoso castello del 1300 dal quale si domina l’intera area delle Langhe albesi. Il nome dell’azienda rimanda all’altezza, appunto il “cucco” in dialetto locale, la sommità della collina dove si trova Vigna Cucco, il vigneto più antico.

Serralunga è considerata la più importante tra le zone del Barolo per la peculiarità dei prodotti enologici, tra i più longevi, per l’antichità dei suoi impianti e per il favorevole microclima dovuto all’altezza dei vigneti. In particolare, la Vigna Cucco, da cui proviene il Barolo Riserva, è una vigna simbolo di Serralunga, già riconosciuta nella Carta del Barolo di Renato Ratti. Si trova all’interno della sottozona Cerrati, un cru proposto sul mercato solo da Tenuta Cucco. La sua peculiarità risiede nell’altezza delle viti, impiantate a circa 400 metri sul livello del mare, una posizione in cui calcare e tufo, tipici di questa terra, sono presenti in massima concentrazione e in superficie, conferendo alle uve la loro distintiva abbondanza di tannini e polifenoli.

Il terreno calcareo-argilloso poggia sulle Arenarie di Diano formatesi più di 10 milioni di anni fa. Poco profondo, con marne affioranti a causa dell’elevata erosione nei versanti meglio esposti, permette di ottenere vini di elevata struttura, complessità e soprattutto longevità, al punto che il Nebbiolo di questa zona è considerato in assoluto il miglior Nebbiolo da invecchiamento.

Gli altri vigneti dell’azienda sono localizzati nella sottozona Bricco Vughera. Gli ettari complessivi dell’azienda sono 12,5, nei quali si producono tutti i più noti vini rossi piemontesi: Barolo, Dolcetto d’Alba, Langhe Nebbiolo, Barbera d’Alba oltre al Langhe Chardonnay.

Come già avvenuto per La Raia, la famiglia Rossi Cairo ha introdotto il metodo di coltivazione biologica nei 13 ettari di vigneti di Tenuta Cucco, certi che questa modalità possa ulteriormente valorizzare uno dei territori più famosi al mondo.

I NOSTRI PROGETTI

  • Scuola steineriana
  • portaNatura
  • Borgo Merlassino
  • Locanda La Raia
  • Fondazione La Raia
  • Tenuta Cucco
Logo Scuola Steineriana

Il germe del progetto pedagogico

Mi sono trasferita a La Raia nel 2003 e mentre mio marito Tom convertiva i terreni al metodo biodinamico, io davo l‘avvio alle prime iniziative legate all’infanzia, che si concretizzarono con la nascita di Intorno al melo, associazione onlus per la promozione della pedagogia steineriana…

Logo portaNatura

La natura sulla porta di casa

portaNatura è un’impresa fortemente voluta e vissuta in prima persona da me e da mia moglie Caterina. Abbiamo trasformato le nostre convinzioni, i nostri studi e le nostre passioni in un’attività di famiglia, che ne coinvolge altre: quelle dei contadini, degli allevatori e dei fornitori che lavorano…

Logo Borgo Merlassino

Svegliatevi a La Raia!

Un affaccio mozzafiato sulle colline del Gavi, quiete e una completa e profonda immersione nella natura. Abbiamo di recente restaurato un’antica Cascina, Borgo Merlassino, all’interno della tenuta.

Logo Locanda La Raia

La grande casa verde nel Gavi

Un tempo posteria e luogo di sosta per i viaggiatori, la Locanda propone un nuovo concetto di ospitalità fatto di semplicità e tempi rilassati, con un servizio discreto e dedicato, in spazi raffinati che dialogano con la bellezza della natura circostante.

Logo Cascina Cucco

Tenuta Cucco

Tenuta Cucco si trova in Serralunga d’Alba, ai piedi del famoso castello del 1300 dal quale si domina l’intera area delle Langhe albesi. Il nome dell’azienda rimanda al cuculo, uccello che compare in queste zone tra marzo e aprile, e all’altezza, appunto il “cucco”, la sommità della collina dove si trova il vigneto più antico.

Logo Fondazione La Raia

Arte cultura territorio

Il 22 giugno 2013 è nata la Fondazione La Raia – arte cultura territorio, voluta da Giorgio Rossi Cairo e diretta da sua moglie Irene Crocco, art dealer. La Fondazione si pone l’obiettivo, a livello nazionale, di promuovere una riflessione critica sul paesaggio, attraverso contributi che riguardano più campi di indagine.